Pecorino Romano Dop

Pubblicato da stradedeivini Nessun commento
Pecorino Romano Dop

La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio “Pecorino Romano” comprende l’intero territorio delle regioni della Sardegna, del Lazio e della provincia di Grosseto.P

Pecorino Romano
 
 
Countries of Origin: IT
Tipo di domanda: DOP
Dossier Number: IT/PDO/0117/0017
Tipo di prodotto: Classe 1.3. Formaggi
Situazione Registrata
 
Date of Registration:      21.06.1996
Date of 1st Amendment: 30.10.2009

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano


Art. 1
La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio “Pecorino Romano” comprende l’intero territorio delle regioni della Sardegna, del Lazio e della provincia di Grosseto.


Art. 2
Il formaggio a pasta dura e cotta “Pecorino Romano” è prodotto esclusivamente con latte fresco di pecora intero, proveniente da allevamenti ubicati nella zona di cui all’art. 1 ed ottenuto nel rispetto di apposite prescrizioni relative al processo di produzione, in quanto rispondenti allo standard produttivo seguente:
A) il latte, può subire un trattamento termico di termizzazione, ed essere eventualmente inoculato con colture di fermenti lattici naturali ed autoctoni, talora integrate con ceppi provenienti dell’area di produzione, deve essere coagulato ad una temperatura compresa tra i 38°/40°C, con caglio di agnello in pasta proveniente esclusivamente da animali allevati nella medesima zona di produzione.
B) la cottura della cagliata dovrà avvenire a temperature che variano tra 45°C/48°C.
C) la salatura può essere effettuata a secco e/o in salamoia. La stagionatura si protrae per almeno cinque mesi per il formaggio da tavola, per almeno otto mesi per il formaggio da
utilizzarsi grattugiato. Si può effettuare la cappatura con protettivi per alimenti di colore neutro o nero;
D) forma cilindrica a facce piane;
E) dimensioni: il diametro del piatto è compreso fra 25 cm e 35 cm, altezza dello scalzo compresa tra 25 cm e 40 cm.
F) peso variabile da 20 kg a 35 kg in relazione alle dimensioni della forma. Sono tollerate leggere variazioni delle caratteristiche dimensioni e del peso in rapporto alle condizioni
tecniche di produzione;
G) aspetto esterno: crosta sottile, di colore avorio o paglierino naturale, talora cappata con appositi protettivi;
H) pasta: struttura compatta o leggermente occhiata; al taglio il colore si presenta variabile dal bianco al paglierino più o meno intenso, in rapporto alle condizioni tecniche di produzione;
I) sapore: aromatico e lievemente piccante per il formaggio da tavola; piccante, intenso e gradevole a stagionatura avanzata nel formaggio da grattugia. Il formaggio presenta un
aroma caratteristico delle particolari procedure di produzione;
J) grasso sulla sostanza secca: non inferiore al 36%.
La zona di produzione e stagionatura del formaggio Pecorino Romano comprende l’intero territorio delle regioni della Sardegna, del Lazio e della provincia di Grosseto. Il formaggio si produce, secondo gli usi tradizionali legati alle condizioni ambientali, nel periodo compreso da ottobre a luglio.


Art. 3
Il formaggio a denominazione d’origine ”Pecorino Romano” deve recare apposto all’atto della sua immissione al consumo il logo della denominazione di seguito riportato, a garanzia della
rispondenza alle specifiche prescrizioni normative.
Il logo della denominazione è costituito da un rombo in linea continua o tratteggiata, con angoli arrotondati contenente la testa stilizzata di una pecora e con sotto la dicitura della denominazione Pecorino Romano.

Pecorino Romano Dop


Le forme di Pecorino Romano sono sottoposte alla marchiatura all’origine su tutto lo scalzo mediante apposita matrice. La matrice imprime sulla forma la denominazione Pecorino Romano ed il logo della denominazione, in apposito riquadro la sigla della provincia di provenienza, il codice del caseificio produttore, il mese e l’anno di produzione.
Alla denominazione Pecorino Romano può essere aggiunta nella matrice entro il perimetro del casello identificativo della ditta e della provincia di appartenenza, l’indicazione “Lazio” o
“Sardegna” o“Grosseto”, a condizione che l’intero ciclo produttivo si compia nel territorio geografico indicato.
E’ consentito l’utilizzo di un logo aggiuntivo Regionale da apporre insieme al logo della denominazione nelle etichette da applicare sul piatto della forma se l’intero ciclo produttivo si
compie nella Regione stessa.
I loghi regionali sono i seguenti.

Pecorino Romano Lazio

Pecorino Romano Sardegna

Pecorino Romano Toscana

 

Commenti bloccati.

Feed dei commenti di questo articolo