Ti trovi in: Inizio > News > Prodotti dop igp > Liquirizia di Calabria Dop

Liquirizia di Calabria Dop


116 Liquirizia di Calabria D.O.P.
Altri prodotti dell'allegato I
del trattato (spezie, ecc.) e
Prodotti di panetteria, pasticceria,
confetteria o biscotteria
Reg. UE n. 1072 del 20.10.11
Reg. UE n. 1403 del 19.12.13
GUUE L 278 del 25.10.11
GUUE L 349 del 21.12.13 Calabria Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

 

DOMANDA DI MODIFICA

REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO

relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine dei prodotti agricoli e alimentari (2)

DOMANDA DI MODIFICA AI SENSI DELL'ARTICOLO 9

«LIQUIRIZIA DI CALABRIA»

N. CE: IT-PDO-0105-01090-07.02.2013

IGP ( ) DOP ( X )

1. Rubrica del disciplinare interessata dalla modifica

— ☒ Zona geografica

2. Tipo di modifica

— ☒ Modifica del documento unico o della scheda riepilogativa

3. Modifica (modifiche)

Zona geografica

La modifica prevede l'introduzione nel disciplinare di produzione del comune di Castrovillari in provincia di Cosenza, omesso per puro errore materiale al momento della stesura del disciplinare di produzione. Nel comune di Castrovillari insistono, al pari degli altri comuni indicati nel disciplinare di produzione, le condizioni ambientali e storiche necessarie alla produzione della «Liquirizia di Calabria» DOP. Il comune di Castrovillari ricade in parte nella piana di Sibari e confina con i comuni di Altomonte, San Lorenzo del Vallo, Spezzano Albanese, Cassano Ionio e Civita già inclusi nel disciplinare. Inoltre, nel distretto di Castrovillari la presenza di stabilimenti di lavorazione della «Liquirizia di Calabria» è accertata da fonti storiche fin dal 1842.
Si è provveduto anche a correggere alcuni errori riguardanti la denominazione non corretta di alcuni comuni compresi dell'area di produzione della «Liquirizia di Calabria».

DOCUMENTO UNICO

REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO

relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine dei prodotti agricoli e alimentari (3)

«LIQUIRIZIA DI CALABRIA»

N. CE: IT-PDO-0105-01090-07.02.2013

IGP ( ) DOP ( X )

1. Denominazione «Liquirizia di Calabria».

2. Stato membro o paese terzo Italia.

3. Descrizione del prodotto agricolo o alimentare

3.1. Tipo di prodotto Classe 1.8. Altri prodotti dell'allegato I del trattato (spezie, ecc.).

Classe 2.4.
Prodotti di panetteria, pasticceria, confetteria o biscotteria.

3.2. Descrizione del prodotto a cui si applica la denominazione di cui al punto 1

La Denominazione di origine protetta «Liquirizia di Calabria» è riservata esclusivamente alla liquirizia fresca o essiccata e al suo estratto. Tale liquirizia deve provenire dalle coltivazioni e dalle piante spontanee di Glychirrhiza glabra (Fam. Leguminose), nella «varietà typica» denominata in Calabria «Cordara».
All'atto dell'immissione al consumo la «Liquirizia di Calabria» DOP presenta le seguenti caratteristiche:

radice fresca:
— colore giallo paglierino,
— sapore dolce, aromatico, intenso e persistente,
— umidità compresa tra il 48 % e il 52 %,
— glicirrizzina compresa tra 0,60 % e 1,40 %,

radice essiccata:
— colore dal giallo paglierino al giallo ocra,
— sapore dolce, fruttato e leggermente astringente,
— umidità compresa tra il 6 % e il 12 %,
— glicirrizzina compresa tra l'1,2 % e il 2,4 %,

estratto di radice:
— colore dal marrone terra bruciata al nero,
— sapore dolce-amaro, aromatico, intenso e persistente,
— umidità compresa tra il 9 % e il 15 %,
— glicirrizzina compresa tra il 3 % e il 6 %.

3.3. Materie prime (solo per i prodotti trasformati)


3.4. Alimenti per animali (solo per i prodotti di origine animale)


3.5. Fasi specifiche della produzione che devono avere luogo nella zona geografica delimitata

Tutte le fasi di produzione, dalla coltivazione alla raccolta, nonché le operazioni di essiccazione e di trasformazione, devono avvenire nell'area delimitata al punto 4.

3.6. Norme specifiche in materia di affettatura, grattugiatura, confezionamento, ecc.

La «Liquirizia di Calabria» DOP è commercializzata in confezioni di cartone, vetro, metallo, ceramica, polipropilene e cartene e in tutti i materiali ammessi dalle leggi vigenti in materia di confezionamento di prodotti alimentari. Le confezioni potranno avere un peso oscillante tra i 5 g e i 25 kg. Ogni confezione deve comunque essere sigillata in maniera che l'apertura della stessa comporti la rottura del sigillo.

3.7. Norme specifiche in materia di etichettatura

Sull'etichetta, deve essere riportato, il logo della denominazione, la numerazione progressiva attribuita dalla struttura di controllo, e la data di confezionamento del prodotto contenuto nei singoli astucci. Il logo della denominazione «Liquirizia di Calabria» DOP raffigura, in maniera stilizzata, un rombo con lati uguali e angoli di 90°. La dimensione minima di stampa dell'intero logo è di 0,5 cm sia in altezza che in larghezza. Il logo della denominazione può essere stampato in tutti i colori.


liquirizia di calabria

 

4. Delimitazione concisa della zona geografica

La zona di produzione della «Liquirizia di Calabria» comprende tutti i territori comunali riportati in maniera dettagliata nel disciplinare di produzione, dove si registra la presenza allo stato spontaneo o coltivata della pianta di Glycyrrhiza Glabra«varietà typica» denominata in Calabria «Cordara» fino ad una altitudine di 650 m s.l.m. Questa zona è delimitata a nord dal massiccio del Pollino che degrada dolcemente a nord-est fino al territorio di Rocca Imperiale, risultando così separata dalla Regione Basilicata. L'area comprende i territori della valle del Crati che si affacciano sull'argine destro e sull'argine sinistro del fiume che, scorrendo da sud a nord, sfocia a nord-est nel mar Ionio, attraversando la piana di Sibari. Sul versante tirrenico sono interessate le aree che, procedendo da nord a sud, sono comprese tra il territorio comunale di Falconara Albanese e quello di Nicotera. Sul versante ionico, sono inclusi gli areali che, partendo da nord, incontrano la Piana di Sibari, l'ampia pianura del crotonese, per arrivare fino all'estrema punta della Calabria.

5. Legame con la zona geografica

5.1. Specificità della zona geografica

L'area storica di produzione della liquirizia era la zona costiera della Calabria e in particolare l'area principale situata tra i comuni di Villapiana, Cerchiara di Calabria, Cassano Ionio-Sibari, Corigliano Calabro, Rossano situati nella piana di Sibari, grazie alla naturale predisposizione dei terreni della piana, dotati d'elementi silicei, ricchi di scheletro e con un fattore ph neutro. Anche dal punto di vista climatico la piana di Sibari, dove ancora oggi si concentra la maggiore produzione di liquirizia, presenta condizioni favorevoli alla diffusione di questa pianta, per la vicinanza dei monti e l'assenza della traiettoria dei venti, visto che il Pollino e la Sila circostanti rappresentano una naturale barriera. Le piante di liquirizia nascono spontanee e coltivate lungo i litorali e si diffondono dalle pianure delle fasce costiere del Tirreno (Lamezia Terme, Falerna, Nocera Tirenese ...) e dello Jonio (Crotone, Isola Capo Rizzuto, Chiaravalle, Badolato, Roccella Ionica ...) alle aree interne collinari, ampliandosi attraverso le valli dei principali fiumi calabresi fino ai rilievi interni, che per la particolare conformazione godono dei benefici effetti dell'influsso del mare, per cui la liquirizia è presente, con le stesse caratteristiche, anche a diversi chilometri dalla costa. Il clima, decisamente mediterraneo, con lunghe estati calde ed asciutte ed inverni miti, determina una omogenea diffusione della Glychyrrhiza glabra var. typica (detta Cordara) su tutto l'areale preso in considerazione.

5.2. Specificità del prodotto

La «Liquirizia di Calabria» DOP, si distingue decisamene da varietà ad essa similari dal punto di vista chimico-fisico, per la presenza di metaboliti secondari tra cui il principio attivo che definisce le caratteristiche commerciali e farmaco gnostiche: la glicirrizina. Si tratta di una saponina presente nella liquirizia di Calabria in percentuale mediamente più bassa rispetto alle performance delle medesime specie e varietà e che proprio per questo motivo è ricercata sul mercato. I risultati di recenti studi hanno maggiormente evidenziato la differenza tra la liquirizia di Calabria e quelle provenienti da altre regioni limitrofe nel contenuto in acido glicirizzico, come detto, nettamente inferiore rispetto a quello contenuto nelle radici provenienti dalle altre regioni ma anche per il minor contenuto di zuccheri.
Un ulteriore studio condotto sulla frazione volatile ha evidenziato la netta differenza tra la composizione della liquirizia di Calabria rispetto a quelle di altra provenienza sia italiana che estera. Il raffronto, infine, con gli estratti di liquirizia provenienti da altri Paesi ha evidenziato nella liquirizia di Calabria una differente composizione quali-quantitativa in composti fenolici.
In particolare emerge la presenza in minima percentuale di liquiritigenina, isoliquiritigenina mentre percentuali significative sono rappresentate dal Licochalcone A che risulta assente in altri campioni e copresente con il Licochalcone B in altri.

5.3. Legame causale tra la zona geografica e la qualità o le caratteristiche del prodotto (per le DOP) o una qualità specifica, la reputazione o altre caratteristiche del prodotto (per le IGP)

La Calabria è una regione che, per via della sua conformazione ed orografia, presenta caratteristiche assolutamente uniche rispetto a tutte le altre regioni italiane.
Estremo lembo della penisola italiana, la Calabria è essa stessa considerata una penisola lunga e stretta circondata dal mare per circa 800 km che, se per certi versi può essere paragonata alla Puglia, per altri dimostra di essere totalmente differente da questa. Infatti la Calabria è divisa longitudinalmente in due parti dalle alte catene montuose appenniniche, elemento questo assolutamente unico nel panorama delle regioni italiane.
La conformazione e l'orografia determinano in Calabria condizioni bio-pedo-climatiche assolutamente uniche e peculiari rispetto al resto della penisola in termini di temperature medie, escursione termica, umidità, piovosità, precipitazioni, vento, eliofania e radiazione solare quindi temperatura del suolo, elementi questi ampiamente dimostrati da numerosi studi scientifici. Il particolare habitat ha, nel corso dei secoli, esercitato sulla specie una forte pressione adattiva e quindi selettiva condizionando le performance in termini di caratteristiche compositive, nutrizionali, aromatiche definendo uno specifico chemiotipo: la liquirizia di Calabria.
Questa particolare tipologia di liquirizia è identificativa della regione Calabria infatti essa era ben nota già nel Seicento come emerge da numerosi documenti, tra cui il famoso «Trattato di terapeutica e farmacologia» Vol. I (1903) in cui si afferma che «... La specie che li fornisce è la Glycyrrhiza Glabra (Leguminose Papillonacee), che appartiene al sud-ovest dell'Europa. Talora la radice officinale è designata con il nome di Liquirizia di Calabria, per distinguerla dalla liquirizia di Russia, più chiara fornita dalla Glycyrrhiza Glandulifera o Echinata che si trova nel sud-est dell'Europa».
Inoltre la celebre Encyclopaedia Britannica, nella sua «Quattordicesima Edizione» (1928) asserisce: «... The preparation of the juice is a widely extended industry along the Mediterranean coast: but the quality best appreciated in Great Britain is Made in Calabria ...».
L'opinione espressa dall'Encyclopaedia Britannica è confermata in una relazione del Dipartimento di Stato degli USA «The licorice plant» (1985).
La Liquirizia di Calabria identifica un «prodotto» complesso frutto dell'interazione con l'opera dell'uomo, che si è tramandata nel corso dei secoli ed è assurta alla dignità di tradizione della regione Calabria così come riscontrabile nel Dipinto di Saint-Non risalente alla fine del 1700, in Stato delle persone in Calabria. I concari. di Vincenzo Padula risalente 1864, nel documento SVIMEZ Piante officinali in Calabria: presupposti e prospettive del 1951, in Pece e liquirizia nei casali cosentini del Settecento: forma d'industrie e forze di lavoro di Augusto Placanica del 1980, in I «Conci» e la produzione del succo di liquerizia in Calabria di Gennaro Matacena redatto nel 1986, in La dolce industria. Conci e liquirizia in provincia di Cosenza dal XVIII al XX secolo di Vittorio Marzi et al. del 1991, e in molti altri testi pubblicati tra il 1700 e il 2000.
Nella Calabria del secondo Settecento la coltivazione della liquirizia si estendeva lungo tutto il litorale ionico, soprattutto ai confini settentrionali con la Lucania e nella vasta piana di Sibari, dove abbondava, fino a Crotone e Reggio Calabria. Ma era anche abbondante nella valle del Crati che da Cosenza sbocca nella piana di Sibari, nonché in ampie fasce della zona costiera tirrenica.

Riferimento alla pubblicazione del disciplinare

[Articolo 5, paragrafo 7, del regolamento (CE) n. 510/2006 (4)].
Questa Amministrazione ha attivato la procedura nazionale di opposizione pubblicando la richiesta di modifica della DOP «Liquirizia di Calabria» sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana n. 294 del 18 dicembre 2012.
Il testo consolidato del disciplinare di produzione è consultabile sul sito Internet:
http://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/3335
oppure:
accedendo direttamente all'home page del sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (http://www.politicheagricole.it), cliccando su «Qualità e sicurezza» (in alto a destra dello schermo) ed infine su «Disciplinari di Produzione all'esame dell'UE».
(1) GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1.
(2) Sostituito dal regolamento (UE) n. 1151/2012.
(3) Cfr. nota 2.
(4) Cfr. nota 2.


 

PROPOSTA DI MODIFICA DEL DISCILINARE DI PRODUZIONE IN DATA 21.12.2013

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP "Liquirizia di Calabria"


Art1
(Denominazione del prodotto)
La Denominazione di Origine Protetta "Liquirizia di Calabria" è riservata esclusivamente alla
liquirizia fresca o essiccata e al suo estratto. Tale liquirizia deve provenire dalle coltivazioni e dallo
spontaneo di Glychirrhiza glabra (Fam. Leguminose), nella varietà denominata in Calabria
"Cordara", e rispondente alle condizioni ed i requisiti stabiliti nel presente Disciplinare di
Produzione.

Art. 2
(Descrizione del prodotto)
All'atto dell'immissione al consumo la "Liquirizia di Calabria" DOP si presenta nelle tipologie di
seguito indicate:

• Radice fresca
o Colore giallo paglierino
o Sapore dolce aromatico intenso e persistente
o Umidità compresa tra 48% e 52%
o Glicirrizzina compresa tra 0,60% e 1,40%
•Radice essiccata
o Colore dal giallo paglierino al giallo ocra
o Sapore dolce e fruttato leggermente astringente
o Umidità compresa tra 6% e 12%
o Glicirrizzina compresa tra 1,2% e 2,4%
Estratto di radice:
o Colore dal marrone terra bruciata al nero
o Sapore dolce-amaro, aromatico, intenso e persistente
o Umidità compresa tra il 9% e il 15%
o Glicirrizzina compresa tra il 3% e il 6%

Art. 3
(Delimitazione area di produzione)
La zona di produzione della "Liquirizia di Calabria" D.O.P. comprende i seguenti comuni:
Provincia di Cosenza: Falconara Albanese; Fiumefreddo Bruzio; Longobardi; Lago; Belmonte
Calabro; San Pietro in Amantea; Amantea; Aiello Calabro; Serra d'Aiello; Cleto; Campana; Scala
Coeli; Caloveto; Terravecchia; Cariati; Mandatoriccio; Pietrapaola; Calopezzati; Crosia; Cropalati;
Paludi; Rossano; Corigliano Calabro; Terranova da Sibari; Spezzano Albanese; San Lorenzo del
Vallo; Altomonte; Castrovillari; Cassano Ionio; Civita; Francavilla Marittima; Villapiana;
Trebisacce; Cerchiara di Calabria; Amendolara; Roseto Capo Spulico; Montegiordano; Rocca
Imperiale; Tarsia; Roggiano Gravina; San Marco Argentano; Cervicati; Torano Castello;
Mongrassano; Cerzeto; San Martino di Finita; Rota Greca; Lattarico; Bisignano; San Demetrio
Corone; Santa Sofia D'Epiro; San Giorgio Albanese; Luzzi; San Benedetto Ullano; Vaccarizzo
Albanese; Montalto Uffugo; Rose; Rende; San Fili; San Vincenzo la Costa; Marano Marchesato;
Marano Principato; Cosenza; Castrolibero.
Provincia di Catanzaro: Nocera Terinese; Falerna; Gizzeria; Lamezia Terme; Maida; Iacurso;
Cortale; San Pietro a Maida; Curinga; Caraffa; Catanzaro; Sellia; Sant'Andrea Apostolo; San
Sostene; Cardinale; Davoli; Satriano; Gagliato; Chiaravalle; Soverato; Petrizzi; Argusto;
Montepaone; Gasperina; Montauro; Staletti'; Squillace; Girifalco; Borgia; San Floro; Sellia Marina;
Simeri Crichi; Soveria Simeri; Zagarise; Sersale; Guardavalle; Santa Caterina dello Ionio; Badolato;
Isca sullo Ionio; Cropani; Botricello; Andali; Belcastro; Marcedusa.
Provincia di Crotone: Isola di Capo Rizzuto; Cutro; Crotone; Mesoraca; San Mauro Marchesato;
Petilia Policastro; Rocca Bernarda; Cotronei; Scandale; Santa Severina; Rocca di Neto; Strongoli;
Casabona; Belvedere Spinello; Carfizzi; Pallagorio; San Nicola dell'Alto; Melissa; Cirò; Cirò
Marina; Umbriatico; Crucoli.
Provincia di Vibo Valentia: Filadelfia; Francavilla Angitola; Polia; Monterosso; Maierato; Filogaso;
Sant'Onofrio; Pizzo; Briatico; Vibo Valentia; Zambrone; San Costantino Calabro; Parghelia;
Tropea; Drapia; Ricadi; Joppolo; Zaccanopoli; Spilinga; Mileto; San Calogero; Limbadi; Nicotera;
San Gregorio d'Ippona; Francica; Filandari; Stefanaconi; Cessaniti; Ionadi; Rombiolo; Zungri;
Gerocarne; Capistrano.
Provincia di Reggio Calabria: Condofuri; Montebello Jonico; San Lorenzo; Melito Porto Salvo;
Rogudi; Bova; Palizzi; Brancaleone; Bivongi; Bruzzano; Ferruzzano; Africo; Caraffa del Bianco;
Bianco; Casignana; Samo; Sant'Agata del Bianco; San Luca; Careri; Benestare; Antonimina; Staiti;
Bovalino; Ardore; Sant'Ilario dello Ionio; Locri; Portigliola; Gerace; Agnana Calabra; Canolo;
Martone; Mammola; Grotteria; Siderno; Gioiosa Ionica; Marina di Gioiosa Ionica; Roccella Ionica;
San Giovanni di Gerace; Caulonia; Placanica; Riace; Monasterace; Stignano; Camini; Stilo;
Pazzano.

Art. 4
(Origine del prodotto)
Ogni fase del processo produttivo deve essere monitorata documentando per ognuna i prodotti in
entrata e quelli in uscita. In questo modo e attraverso l'iscrizione in appositi elenchi, gestiti dalla
struttura di controllo, delle particelle catastali sulle quali avviene la produzione, degli agricoltori,
dei conferitori, dei produttori e dei confezionatori, nonché attraverso la denuncia alla struttura di
controllo dei quantitativi prodotti, e attraverso l'obbligo per i confezionatori di operare il
confezionamento e l'etichettatura sotto il diretto controllo della struttura di controllo di cui
all'articolo 7 del presente disciplinare di produzione, è garantita la tracciabilità del prodotto. Tutte
le persone, fisiche e giuridiche, iscritte nei relativi elenchi, saranno assoggettate al controllo da
parte delle strutture di controllo, secondo quanto disposto dal disciplinare di produzione e dal
relativo piano di controllo.

Art. 5
(Metodo di ottenimento)
Al momento dell'impianto di nuovi liquirizieti va effettuata una lavorazione profonda e risemina
delle talee di radice di liquirizia.
La coltivazione della liquirizia ha il merito di migliorare la fertilità del terreno, poiché è una pianta
azotofissatrice. Il liquirizieto produce radice ogni 3 o 4 anni, pertanto è possibile praticare delle
colture intercalari autunno-vernine, che consentono di avere produzione tutti gli anni. Le colture
praticabili insieme alla liquirizia sono le foraggeree, gli ortaggi e le leguminose.
Nel periodo primaverile e nel periodo autunnale, sul terreno di coltivazione della liquirizia è
possibile lo sfalcio. Sono consentite tutte le lavorazioni del terreno necessarie per le coltivazioni
intercalari, purché non si superino i 20 cm di profondità.
E' consentita la raccolta della liquirizia spontanea, che in Calabria è rigogliosa ed è molto diffusa,
purché i predetti liquirizieti siano iscritti nell'elenco di cui al precedente articolo 4 tenuto
dall'organismo di controllo. L'attività di raccolta non deve superare i 60 cm di profondità e
l'agricoltore deve dare comunicazione alla struttura di controllo, almeno 5 giorni prima, dell'inizio
dell'operazione indicando contestualmente la superficie e le particelle catastali sulla quale opera.
Non è ammessa la bagnatura delle radici dopo la raccolta.
Le radici sottoposte a taglio e calibratura, andranno successivamente lavate esclusivamente con
acqua, in vasche o lavatrici.
La radice essiccata prima di essere commercializzata come tale deve essere sottoposta al processo di
essiccazione. Tale operazione avviene in luoghi aperti ventilati e soleggiati o in luoghi chiusi ma
ben arieggiati, oppure in forni ventilati, evitando di sottoporre il prodotto a temperature superiori ai
50°C che ne modificherebbero le caratteristiche.

Le operazioni di produzione devono avvenire nell'areale definito all'articolo 3 al fine di garantire la
qualità, il controllo e la tracciabilità del prodotto. Tale vincolo trova giustificazione per motivi di
ordine igienico-sanitario. In effetti, la radice di liquirizia, al momento della raccolta, ha un elevato
contenuto in umidità, in media il 50%. Un substrato così umido favorisce il rapido sviluppo di una
flora microbica fungina. Tale situazione è fortemente aggravata nel caso in cui le radici sono
trasportate. Infatti, dalle osservazioni effettuate, è emerso che il livello di umidità e di temperatura,
in appena due giorni, favorisce la comparsa dei primi miceli fungini e, tra questi, sono stati
evidenziati, in larga misura, funghi del genere Aspergillus, Penicillium che nelle condizioni
osservate producono metaboliti secondari con attività tossica e noti come "Micotossine". Specifici
studi condotti dal Laboratorio Tecnologico Regionale sulla Qualità e Sicurezza degli Alimenti
hanno evidenziato che la liquirizia, se non lavorata in tempi brevi, è soggetta a tale contaminazione.
L'Aflatossina B1 che l'Ocratossina A sono datate di un'elevata resistenza termica (fino a 220°) e,
dunque, le temperature raggiunte nel ciclo di produzione dell'estratto di liquirizia non sono
sufficienti a degradarle. Ciò giustifica la necessità di lavorare e trasformare il prodotto nell'areale
indicato, a tutela ed interesse della salute del consumatore.

Art. 6
(Legame con l'ambiente)
La Calabria è una regione che, per via della sua conformazione ed orografia, presenta caratteristiche
assolutamente uniche rispetto a tutte le altre regioni italiane.
Estremo lembo della penisola italiana, la Calabria è essa stessa considerata una penisola lunga e
stretta circondata dal mare per circa 800 Km che, se per certi versi può essere paragonata alla
Puglia, per altri dimostra di essere totalmente differente da questa. Infatti la Calabria è divisa
longitudinalmente in due parti dalle alte catene montuose appenniniche, elemento questo
assolutamente unico nel panorama delle regioni italiane.
La conformazione e l'orografia determinano in Calabria condizioni bio-pedo-climatiche
assolutamente uniche e peculiari rispetto al resto della penisola in termini di temperature medie,
escursione termica, umidità, piovosità, precipitazioni, vento, eliofania e radiazione solare quindi
temperatura del suolo, elementi questi ampiamente dimostrati da numerosi studi scientifici. Il
particolare habitat ha, nel corso dei secoli, esercitato sulla specie una forte pressione adattiva e
quindi selettiva condizionando le performance in termini di caratteristiche compositive, nutrizionali,
aromatiche definendo uno specifico chemiotipo: la liquirizia di Calabria.
Questa particolare tipologia di liquirizia è identificativa della regione Calabria infatti essa era ben
nota già nel Seicento come emerge da numerosi documenti, tra cui il famoso "Trattato di terapeutica
e farmacologia" Vol. I (1903) in cui si afferma che <<... La specie che li fornisce è la Glycyrrhiza
Glabra (Leguminose Papillonacee), che appartiene al sud-ovest dell'Europa. Talora la radice
officinale è designata con il nome di LIQUIRIZIA DI CALABRIA, per distinguerla dalla liquirizia
di Russia, più chiara fornita dalla Glycyrrhiza Glandulifera o Echinata che si trova nel sud-est
dell'Europa.>>.
Inoltre la celebre Encyclopaedia Britannica, nella sua "Quattordicesima Edizione" (1928)
asserisce: <<...The preparation of the juice is a widely extended industry along the Mediterranean
coast: but the quality best appreciated in Great Britain is MADE IN CALABRIA...>>.
L'opinione espressa dall'Encyclopaedia Britannica è confermata in una relazione del Dipartimento
di Stato degli USA "The licorice plant" (1985).
La Liquirizia di Calabria identifica un "prodotto" complesso frutto dell'interazione con l'opera
dell'uomo, che si è tramandata nel corso dei secoli ed è assurta alla dignità di tradizione della
regione Calabria così come riscontrabile nel Dipinto di Saint-Non risalente alla fine del 1700, in
Stato delle persone in Calabria. I concari. di Vincenzo Padula risalente 1864, nel documento
SVIMEZ Piante officinali in Calabria: presupposti e prospettive del 1951, in Pece e liquirizia nei
casali cosentini del Settecento: forma d'industrie e forze di lavoro di Augusto Placanica del 1980,
in I "Conci" e la produzione del succo di liquerizia in Calabria di Gennaro Matacena redatto nel
1986, in La dolce industria. Conci e liquirizia in provincia di Cosenza dal XVIII al XX secolo di
Vittorio Marzi et al. del 1991, e in molti altri testi pubblicati tra il 1700 e il 2000.
Nella Calabria del secondo Settecento la coltivazione della liquirizia si estendeva lungo tutto il
litorale ionico, soprattutto ai confini settentrionali con la Lucania e nella vasta piana di Sibari, dove
abbondava, fino a Crotone e Reggio Calabria. Ma era anche abbondante nella valle del Crati che da
Cosenza sbocca nella piana di Sibari, nonché in ampie fasce della zona costiera tirrenica.
Attualmente la pianta della liquirizia è diffusa nelle stesse aree, con un notevole incremento
produttivo grazie all'opera di un imprenditore agricolo coriglianese che, ormai da decenni, ha
iniziato a propagare la tanto preziosa radice con lo scopo di realizzare vere e proprie colture
specializzate, traducendo in realtà la famosa agricoltura alternativa delle piante officinali di cui
l'Italia è altamente deficitaria.

Art. 7
(Organismo di controllo)
Il controllo per l'applicazione delle disposizioni del presente disciplinare è svolto da una struttura di
controllo autorizzata, conformemente a quanto stabilito dagli articoli 10 e 11 del regolamento (CE)
n. 510/06.

Art. 8
(Confezionamento ed Etichettatura).
La "Liquirizia di Calabria" DOP è commercializzata in confezioni di cartone, vetro, metallo,
ceramica, polipropilene e cartene e in tutti i materiali ammessi dalle leggi vigenti in materia di
confezionamento di prodotti alimentari. Le confezioni potranno avere un peso oscillante tra i 5g e i
25kg. Ogni confezione deve comunque essere sigillata in maniera che l'apertura della stessa
comporti la rottura del sigillo.
Sull'etichetta, deve essere riportato, il logo della denominazione, tutte le diciture di legge, la
numerazione progressiva attribuita dalla struttura di controllo, e la data di confezionamento del
prodotto contenuto nei singoli astucci. E' vietato l'utilizzo di qualsiasi qualificazione aggiuntiva
diversa da quelle previste nel presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi tipo: protetta, pura,
selezionata, scelta e similari. E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento ad
aziende, nomi, ragioni sociali, marchi privati, che non siano idonee a trarre in inganno l'acquirente.
Il logo della denominazione "Liquirizia di Calabria" DOP raffigura, in maniera stilizzata, un rombo
con lati uguali e angoli di 90°. All'esterno del rombo, posta sui due lati superiori da destra verso
sinistra viene riportata la dicitura "Liquirizia di Calabria", mentre la dicitura D.O.P.
Denominazione di Origine Protetta è sui due lati inferiori, a partire da destra verso sinistra. La
dimensione minima di stampa dell'intero logo è di 0,5 cm sia in altezza che in larghezza. Il logo
della denominazione può essere stampato in tutti i colori.
Il marchio è interamente composto con il lettering Amerigo BT, nei diversi corpi e giustezze utili al
posizionamento sui lati del rombo.
L'acronimo, nello stesso carattere, è compresso e deformato in altezza, in modo da risultare
posizionato centralmente nel quadrato inscritto nel rombo.
Le applicazioni sono sempre positive e monocromatiche senza resinatura; l'acronimo è sfondato nel
colore di stampa prescelto. Alla denominazione "Liquirizia di Calabria" può essere aggiunta la sua
traduzione in altre lingue.

Fonts
"D.O.P." Amerigo BT 116,5
"LIQUIRIZIA" Amerigo BT 25,189
"DI CALABRIA" Amerigo BT 21,238
"DENOMINAZIONE DI" Amerigo BT 13,554
"ORIGINE PROTETTA" Amerigo BT 14,167

 

liquirizia di calabria-2013

NOVITA

 
 
 

 

NOVITA

 

Tutti i disciplinari delle denominazioni di origine dei vini italiani